Get Adobe Flash player

 

Iscrizione alla newsletter

Chi si iscrive alla newsletter riceverà nella propria casella postale il programma delle serate a tema del Ristorante da Rino.

 

 
Compleanni e Comunioni
Nubilatie Celibati
Cene Aziendali
Cabaret
 

La Nazione 2 dicembre 2011

La Nazione 2 Dicembre 2011
Alessio Baby-star ai fornelli
<<Devo tutto a mia nonna....>>
A vent'anni continua la tradizione di famiglia <<da Rino>> di Renzo Castelli
Chef a vent'anni. E' gia vincitore del premio "Ristorazione pisana", nona edizione provinciale con il Ristorante da Rino.

 

Soddisfazione doppia, anzi tripla. Perchè il ristorante fu fondato dal nonno Rino e appartiene tutt'oggia alla famiglia. Protagonista di questa avventura è Alessio Marcato, classe 1991, neanche a crederci. E' lui che ha dato una svolta rinnovatrice ad un ristorante storico della città, che si è impegnato nelle iniziative che tra poco vedremo.

<<La passione per i fornelli dice mi viene da nonna Mariella che ha guidato la nostra cucina per quaranta anni, sempre con grande sapienza, dando lustro al ristorante. E' lei che mi ha trasmesso l'imprinting giusto perchè mi avviassi su questa strada>>.

E la strada di Alessio è stata breve ma intensa: forte della genealogia, ha subito colto l'opportunità di uno stage al "Gambero Rosso". Per un giovane che avesse avuto talento naturale e voglia di fare ce n'era abbastanza per iniziare la grande avventura.

La creatività di Alessio Marcato si sostanzia nel piatto che ha portato "da Rino" a vincere la IX edizione del premio della Confesercenti: <<Insalata di mare cotta a bassa temperatura con crudità di verdure e salsa alla senape. Il piatto è abbinato al bianco Lupinaio della Fattoria dell'Uccelliera>>. Ce n'è abbastanza per farsi venire il desiderio di provare... sul posto.

Il Ristorante dove il giovane chef opera è fra quelli storici della città, nato nel 1969 sulla via Aurelia a tre passi da un bar altrettanto storico (quello di Enrico e daniela Guardati). Il fondatore non si limitò mai a fare soltanto cucina, ne si affidò ai soli fritti e ai bolliti preparati pur magistralmente dalla moglie Mariella ma volle arricchire il ristorante di tante iniziative.

Fu così che, soprattutto negli anni settanta ottanta utilizzando un spazio sul retro che aveva dotato di una pedana, Rino Marcato organizzò serate memorabili dando vita, fra l'altro, alla coppa "Città di Pisa" di ballo liscio e ospitando personaggi di fama nazionale: da Claudio Villa a Luciano Taioli, da Narciso Parigi a Mino Reitano, da Nini Rosso ai Camaleonti.

Rino è scomparso tre anni fa ma il figlio Stefano e ora il nipote Alessio ne hanno raccolto il testimone senza rinunciare a fare cose diverse. Completamente rinnovato il vecchio locale, è nato un anno fa nel cuore del ristorante, la "Sala Giulia" una sorta di privè enogastronomico dove il giovane Alessio, alla sera esercita la sua arte.

<<Di recente ricorda ho organizzato  sette serate in ognuna delle quali, si è esibito su un menù a tema un famoso chef nazionale>>. Tanto per non perdere l'abitudine ad organizzare eventi.

Stefano e Alessio Marcato

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione esprimi il consenso al loro utilizzo. Informativa cookie